Aggiornamenti di eventi, avventure ed impressioni della Società Filarmonica Morettese - Banda di MORETTA (CN) - Fanfara della Sezione Alpini di SALUZZO (CN).

Imperia - Settembre 2011

Imperia - Settembre 2011
Adunata Nord-Occidentale Alpini

venerdì 4 marzo 2011

Marcia della solidarietà Oltre seicento a Moretta per «Specchio dei tempi».

Raccolti fondi per la lotta contro il cancro DAL NOSTRO INVIATO SPECIALE MORETTA — E' la prima volta che una marcia viene accompagnata da un gruppo bandistico al gran completo per ben nove chilometri. E'accaduto a Moretta in occasione della prima corsa di solidarietà alpina organizzata per dare un contributo a Specchio dei tempi per il centro di ricerca sul cancro. All'invito del gruppo di -penne nere» di Moretta hanno aderito quasi settecento camminatori, un numero di ben lunga superiore alle più rosee aspettative. Così la marcia alpina ha raccolto due milioni e duecento mila lire che sono stati consegnati ieri sera agli incaricati del nostro giornale. «E' andata bene anche se abbiamo lanciato questa iniziativa in ritardo — dice Giorgio Invernizzl, presidente del gruppo organizzatore. — Moretta e i paesi vicini hanno risposto con entusiasmo e questa vitalità ci servirà per continuare nel nostro intento». Ma tvniamo alla cronaca di una giornata nuova e diversa. Il tempo non promette niente di buono, le nuvole coprono come una cappa la Piana di Moretta, l'afa è irresixtibile, ma già di buon mattino una folla multicolore invade la citj tadina. Bambini con papà e , mamme, carrozzelle, gente ! anziana. C'è ressa attorno al ì tavolo delle iscrizioni, ognuno vuole dare il suo contributo, c'è gente che aggiunge parecchi bigliettoni alla normale tassa per partecipare alla marcia. i Arriva l'Unione sportiva ! calcio Moretta con i giocatori \ con le magliette della società. ' Il gruppo è capitanato da paj tron Pier Antonio Sapino, un ' duro che con caparbietà è riuj «cito a riportare la squadra in j Prima categoria dopo il crollo ; dello scorso anno. Fra la folla [Ce anche il sindaco Mario Piovano, sensibile a queste manifestazioni e sempre pronto a dare il contributo suo e quello del Comune per permetterne la buona riuscita. Poi arrivano i ciclisti del Bici club, gli atleti del tennis. E' tutto pronto. I camminatori devono percorrere nove chilometri. Si parte da piazza Castello, si passa lungo la provinciale che porta a Scarnaggi, poi il serpentone taglia attraverso la campagna fiorita di Moretta, verso il fiume Varaita, fra boschi di pioppi e campi di grano ormai pronto per la mietitura. La sorpresa arriva poco prima della partenza. I musicisti della Filarmonica morettese si mettono in testa al gruppo con Francesco Robasto, presidente del sodalizio, fra i primi ad accettare l'invito delle penne nere. Si parte. La banda morettese intona una marcetta dopo l'altra, la fatica si fa sentire meno anche se i musicisti devono percorrere la stessa strada dei marciatori con il peso degli strumenti. Lungo il percorso la gente accorre numerosa, i contadini abbandonano i lavori per uscire dalle cascine e guardare ammirati questa folla cosi diversa, ma cosi unita. Il concerto dura oltre un 'ora. il tempo impiegato dai podisti per percorrere i nove chilometri e ritornare nei vecchi borghi.di Moretta accolti da gente festosa. Tutti primi, tutti premiati. Le penne nere hanno consegnato ai partecipanti una medaglia ricordo della giornata. Si fanno i conti: gli alpini di Moretta sono riusciti a mettere assieme oltre 2 milioni e 200 rnila lire, una cifra tutt'altro che modesta per la prima esperienza. E' chiaro che il prossimo anno, se tutte le società sportive capiranno lo sforzo degli alpini e parteciperanno attivamente all'organizzazione della corsa, si potrà fare molto di più. Giorgio Invernizzi e gli alpini di Moretta sono comunque [soddisfatti. L'iniziativa è stata lanciata, i risultati sono positivi, gli obiettivi sono stati centrati. Adesso questo laborioso gruppo (hanno passato intere giornate a sistemare tutti i particolari) guarda all'83: «La seconda marcia della solidarietà — dicono — sarà grandiosa». Fiorenzo Panerò
Pagina 18
(26.06.1982) LaStampa - numero 131

Nessun commento:

Posta un commento